Tor des Geants®

Endurance Trail 330 km - 24000m D+10-17 Settembre 2017

Tor des Geants

Endurance Trail

330 km - 24000m D+

8-15 Settembre 2019

Esercito Italiano

Mer, 22/08/2018 - 09:52 -- amministratore

Già in precedenti edizioni del Tor des Géants® si erano schierati al via alcuni rappresentanti dell’Esercito Italiano, che comunque avevano sempre gareggiato a titolo personale. Nel Tor 2018 invece, gli atleti con le stellette saranno in prima fila, nell’Endurance Trail per eccellenza, con il beneplacito, anzi, il supporto ufficiale dell’Esercito Italiano e il tifo di tutti coloro che ne fanno parte.

Ci saranno dunque al via tre militari effettivi del Centro Addestramento Alpino di Aosta, che giocano praticamente in casa, e due provenienti dallo Stato Maggiore dell’Esercito. Tutti trailers ai quali naturalmente sono stati darti gli strumenti di base e gli insegnamenti necessari per muoversi e sopravvivere in alta montagna, valorizzando addestramento e capacità personali.

Ad accomunare i cinque compagni d’avventura, l’amore per la montagna e l’interesse per quel genere di esperienze che, seppur faticose, sanno restituire moltissimo, e sanno regalare a chi li sa apprezzare momenti unici, condivisibili soltanto con altri viaggiatori delle alte quote.

I militari di solito operano in squadra, ma questo difficilmente sarà possibile metterlo in atto in una gara di 330 chilometri e con dislivelli molto impegnativi, dove nessun passo è uguale a un altro.

Alcuni di loro hanno già definito la propria strategia per affrontare il proprio “giro dei Giganti”: sarà in base ad essa che decideranno se condividere la strada o procedere in solitaria, poiché in una gara in cui conoscersi e imparare i propri limiti rappresenta la vera vittoria, affrontare il percorso in compagnia potrebbe non rivelarsi la scelta più premiante, a causa delle diverse esigenze di ognuno.
Questa esperienza, se per certi aspetti si sposa perfettamente con la disciplina militare, che insegna a non mollare mai, a saper gestire le eventuali problematiche in breve tempo, e ad affrontare lunghi percorsi equipaggiati in regime di totale autosufficienza, d’altro canto ne estremizza ogni aspetto. Il tutto in un regime di quasi totale assenza di riposo. Ecco perché, pur trattandosi di un valore aggiunto, l’aver ricevuto una preparazione militare potrebbe non bastare a terminare il Tor. Che rimane comunque un bel banco di prova per rafforzare il carattere e consolidare la competenza.

La presenza dell’Esercito Italiano al Tor è dunque il primo passo di una esperienza sportiva che potrebbe portare a perfezionare ulteriormente il livello di preparazione in alta quota delle nostre “truppe speciali”.
I cinque portacolori dell’Esercito italiano provengono dal Centro di Addestramento Alpino, che nasce nel 1934 con la denominazione di “Scuola Militare Centrale di Alpinismo”. Successivamente cessa le attività per cinque anni, dal 1943 all’1 luglio 1948, quando viene ricostituita e rinominata “Scuola Militare Alpina”. Nel 1998 passa alle dipendenze del Comando Truppe Alpine e assume la denominazione di “Centro Addestramento Alpino”.

Il compito del Centro è quello di formare alla montagna il personale in servizio permanente delle Truppe Alpine, delle Forze Speciali e di alcuni Eserciti alleati. È l’unico Ente, in ambito Forze Armate, abilitato a formare e qualificare tutto il personale in servizio permanente allo sci, all’alpinismo, alla conoscenza della neve e delle valanghe e al soccorso alpino.
Il legame tra Centro Addestramento Alpino, competizioni di lunga durata e propensione per le attività d’avanguardia, si può far risalire già agli anni ’30, quando la Scuola conquistò l'unico trofeo triennale fino ad allora assegnato: il Trofeo Mezzalama. Ecco perché, ad un appuntamento come il Tor des Géants®, la partecipazione non solo non è mai mancata, ma è divenuta negli anni sempre più consistente.