Tor des Geants® - Tor des Glaciers - TOR130 - TOR30

Endurance Trail 450, 330, 130 e 30km 11-20 Settembre 2020

eXtraordinary

eXtreme

eXperience

#stayhome sTORies - Storie di TOR X - Doug Mayer

Ven, 03/04/2020 - 16:04 -- motta.erica
Abito nella valle di Chamonix, ho pensato spesso ai miei amici in Italia, mentre l'epidemia infuriava.  Guardavo in alto verso il Monte Bianco fermandomi a riflettere sulla sofferenza al di là di quella cima, sperando di poter fare qualcosa per aiutare. Sapevo che poteva arrivare fin qui, e ora lo è, come in tutto il mondo.  In tal modo, crea un senso di comunione nella sofferenza e nelle perdite - il tipo più triste, certo, ma forse anche il più forte?

Sulla linea di partenza del TOR330 2019 - Tor des Géants®, ho sentito un'ondata di disagio passare su di me. Ho capito che una grande sfida si trovava di fronte a me - una così grande, che non riuscivo nemmeno a capirne l'enormità. Sapevo che se fossi riuscito ad arrivare a Courmayeur, avrei avuto molte storie da raccontare. Ho immaginato il legame che avrei condiviso con gli altri partecipanti al TOR. Mi sono reso conto che c'era un solo modo per raggiungere questo obiettivo: non guardare al traguardo, ma alzare la testa verso il prossimo obiettivo raggiungibile. La Thuile. Donnas. Champoluc. E così via.

Oggi ho molti di quegli stessi sentimenti. A differenza del TOR, tuttavia, non abbiamo scelto questa sfida: ci ha selezionati. E questa volta, le conseguenze sono maggiori. Le emozioni sono le stesse, solo più profonde. Il TOR, nelle emozioni che ho provato e nelle sfide che ho superato, è stato una sorta di prefigurazione.

Ed è anche stato un regalo. Come alcuni doni, tuttavia, l'ho riconosciuto solo a posteriori. Mi ha insegnato ad andare avanti, non importa quanto desiderassi fermarmi. Ho imparato a calmare la voce di insicurezza e la paura. E ho capito il potere della condivisione verso un obiettivo comune. Ci aiutiamo a vicenda: è nel DNA del TOR. Messo alla prova, ho anche capito di avere molto più in me di quanto avessi mai saputo. Ora, ogni giorno quando mi alzo, questa conoscenza è una gemma inestimabile. Forse ti senti allo stesso modo anche tu?

Alcuni di noi sono più avanti di altri nella sfida che stiamo affrontando. Ma arriverà la nostra metaforica Coumayeur, e anche questo passerà. Raggiungeremo il traguardo e poi sentiremo un nuovo legame. Come il TOR, trascenderà paesi, genere, etnie, religioni. Riposeremo i nostri corpi stanchi, ci abbracceremo e celebreremo un altro tipo di vittoria.

State al sicuro. Lavatevi le mani. Pensate a quelli meno fortunati. Se sei in grado di aiutare, per favore fallo. Torneremo di nuovo a correre sulle montagne. Lo so.