Tor des Geants® - Tor des Glaciers - TOR130 - TOR30

Endurance Trail 450, 330, 130 e 30km 11-20 Settembre 2020

eXtraordinary

eXtreme

eXperience

#stayhome sTORies - Storie di TOR X - Jouan Mael

Gio, 23/04/2020 - 13:00 -- motta.erica


L’INFERNO, e la sofferenza nella sua forma più pura dietro questa foto.
Quando iniziamo l'ultimo costone prima dell'ultima vita di base, inizio a sentire un po' di dolore nel mio quadricipite sinistro. Non ci faccio caso e do il massimo sul pendio di questo co. Più arrampico su questo colletto, più si sente il dolore. Tuttavia, rimane sopportabile. Ad un certo punto, durante la salita, c'è una piccola discesa di pochi metri. È allora che capisco che la mia gamba sinistra è completamente paralizzata. Il ginocchio incapace di operare, l'intero blocco quadricipite si contrae e blocca tutto. Non mi preoccupo e inizio il resto della salita. Arrivo in cima al passo e vedo l'ultima base vita. Si trova a 6 km.


È QUI CHE IL MIO CALVARIO INIZIA.
La gamba sinistra non potrà mai piegarsi di nuovo in discesa, siamo al km 290. Cerco in ogni modo di farmi passare il dolore alla gamba ma non riesco a muoverla in discesa. Questo è quando Thierry, lo zio di Marc, (corridore con il quale ho fatto gli ultimi km del TOR) mi ha detto che al contrario il quadricipite non viene utilizzato e che dovrei essere in grado di scendere . Quindi vado per 6 km di discesa al contrario. Arrivato alla base vita, vengo massaggiato a lungo. Dormo ma una volta sparito il dolore riappare ancora di più. Nonostante le potenti dosi di antidolorifici che mi hanno dato i dottori, soffro, passo dopo passo e ora dopo ora. L'unica cosa che mi motiva è guardare il numero di chilometri percorsi. È notte, devo iniziare diverse discese, ho fissato una frontale sul fianco in modo da illuminare dietro di me quando scendo. Ogni passo mi fa male, più volte cado e rimango sulla schiena per contemplare il cielo stellato, con un forte desiderio di arrendermi, di essere raccolto. Piango di rabbia, di ingiustizia. Tutti questi chilometri per rinunciare a meno di 30 km dalla fine. I corridori che passano davanti a me mi chiedono se devono avvisare i servizi di emergenza. Potrebbe essere l'inizio del gossip del TOR 2019, un corridore che fa tutte le discese al contrario.


Ricordo di aver premuto con tutta la mia forza sull'unghia già strappata nella parte anteriore del piede in modo che questo dolore mascheri quello della coscia. Con tutto ciò che subisce il mio corpo, anche la testa inizia a farmi male, ho ancora un po’ di febbre a causa del mio ascesso sotto il piede. Mi aggrappo come un leone e mi dico che passerà, che ci saranno solo 8 o 10 ore di sofferenza e che il giorno dopo sarà tutto finito e che ne uscirò più forte.

Corridori dopo corridori, mi sorpassano tutti. Molti giapponesi mi salutano e si congratulano con me, molti pensano che al prossimo rifornimento mi arrenderò.
Prendo una dose di antidolorifici e mi impegno per l'ultima parte prima di Saint-Rhémy-en-Bosses, l’ultimo villaggio prima di Courmayeur. Ho allucinazioni legate alla fatica e alle medicine che ho preso. Sono solo su un sentiero non illuminato tranne che dalla mia frontale. Vedo soldati intorno a me, un'intera compagnia, vedo volti che conosco, parlo persino con il mio ex capo sezione della Marina. Provo a riempire le mie borracce in una fontana che non esiste ma provo per almeno 3 o 4 minuti prima di rendermi conto che ci sono solo rami. Ho chiaramente paura perché non ho più un senso dell'orientamento.


Vedo venire delle luci verso di me e capisco subito che sono corridori. Riesco a parlare con loro e tornare in pista. Trovo Eric con il quale ho percorso diverse tratte. Parliamo molto, mi fa molte domande sul "perché sono qui" ed è vero, molte persone sono rimaste stupite dalla mia giovane età. Le idee sono più chiare e il tempo vola . Arriviamo rapidamente a Saint-Rhémy-en-Bosses dove dormo 1 ora al ristoro, ma poiché non è abbastanza, mi sistemo sotto una fontana all'uscita del villaggio per dormire di nuovo lasciando Eric andare ad attaccare l'ultimo colle. È qui che Marc mi sveglia. Mi riconosce perché il giorno prima abbiamo fatto buona parte del percorso insieme. Iniziamo la salita dell'ultimo passaggio verso le 5 o le 6 del mattino. Anche il suo ginocchio è molto danneggiato. Troviamo entrambi la forza per motivare l'altro a raggiungere la fine. Raggiungiamo il Rifugio Frassati intorno alle 9, la barriera è alle 10:30 e abbiamo sempre poco margine.
Da quel momento in poi, i miei ricordi diventano molto sfocati. Suo zio ci consiglia di andarcene rapidamente perché avevamo poco tempo. Salgo il passo del Malatrà a una velocità folle come se avessi una vendetta da compiere da quando mi arrampico con le gambe piegate.


Una volta raggiunto il colle, giuro che non c'è parola per descrivere la sofferenza che riceverò per i seguenti 12 km. 12 km di inferno, dolore, disperazione e idee davvero oscure. Iil corpo è danneggiato, i tendini bruciano, i muscoli si contraggono da soli. La pelle si strappa nelle scarpe, le calze sono intrise di sangue e le vesciche sulle mani (dovute ai bastoncini) sono estremamente dolorose. Marc allunga il passo e si allontana perché vuole arrivare nei tempi stabiliti (per essere un finisher è necessario tagliare il traguardo in meno di 150 ore).


Ho intenzione di stringere la mia coscia con una benda per stabilizzare la gamba e ridurre il dolore, ma ad ogni passo ho l'impressione di avere un coltello bloccato nel muscolo. Thierry, non mi lascia e mi accompagna per tutta la discesa. Cado, mi rialzo. Cado ancora e ancora e ancora e ancora. Faccio tutta questa discesa al contrario. Molti corridori mi sorpassano. Tutti hanno una piccola parola per di me di fronte alla sofferenza che provo. Un russo mi picchietta sulla spalla e mi dice in francese "non arrenderti". Mi scalda così tanto il cuore vederli supportarmi tutti. Stiamo entrando negli ultimi 8 km e non posso più sopportare il dolore. Scendo piangendo ma da quando sono disidratato non mi esce nessuna lacrima. Non riesco nemmeno a prendermi una pausa o dispiacermi per me stesso perché il tempo passa e rischio di essere fuori gara. La mia coscia è viola a causa della benda che la stringe. Cerco di nascondere questo dolore schiacciando le dita dei piedi, ma anche questo non ha più importanza. Sento che tutto il mio corpo è KO.


Non ho mai vissuto un momento come questo.  Terribile, fisico e mentale. Cerco di concentrarmi e ripenso a tutto ciò che mio nonno avrebbe potuto dirmi, a tutto ciò che ha vissuto. Provo a stringere i denti per lui e per i miei genitori che mi stanno aspettando al traguardo ma è impossibile. Sto per crollare nell'erba, fermarmi ad ammirare il cielo e il sole. In quest'ultimo giorno di gara il tempo è meraviglioso, ma non sento più nulla. Il cervello vaga e dico a Thierry che mi voglio mollare, che non è più possibile e che devo fermarmi. Lui si avvicina e mi parla con calma, essendo molto educato. Torno sul sentiero. In questo momento di gara ho delle vesciche terribili sotto i piedi, le mie calze sono insanguinate e sento i pezzi di pelle che si staccano nella calza.


Arrivo al Rifugio Bertone che è l'ultimo ristoro prima della discesa di 4 km a Courmayeur. Trovo mio padre negli ultimi due chilometri. Vedo che è molto addolorato di vedermi così. Sono peggio di uno zombie, ma vedere qualcuno della mia famiglia in un momento come questo è come trovare un faro nel mezzo di una tempesta. Scendiamo lentamente al mio ritmo ed entro a Courmayeur. Il finale è semplicemente folle e vivo con Marc un arrivo trionfante a Courmayeur. È solo una follia. Tutti i corridori vengono per incoraggiarmi, alcuni mi danno una pacca sulla schiena, i giapponesi mi offrono persino una birra e il russo viene a prendermi tra le braccia mentre cerco ancora la mia famiglia al traguardo. Tutti hanno una parola gentile per me e molte persone che mi hanno visto scendere vengono a congratularsi con me. Uno degli spettatori mi aveva giurato di pagarmi una birra se avessi finito ed è venuto a consegnarmela come promesso.
Comunque il TOR è una grande avventura ma la fine è stata un inferno per me. Il trail running è bello, il TOR è impressionante. Pensaci due volte prima di intraprendere questa gara. Spero che la mia testimonianza serva almeno ad avvertire coloro che non si preparano adeguatamente.


Ho completato il TOR 2019 in 148 ore e 44 minuti con 1 ora e 16 minuti sulla barriera oraria.
Ho dormito 9 ore e corso / camminato 139 ore.


Il TOR non è una gara, è una prova di vita, un viaggio, dove impari a superare te stesso e ad accettare cose inimmaginabili.

Non sto dicendo che non ci sarà un secondo TOR ma per il momento mi dedico al  riposo, riposo e riposo.


Grazie a Eric, Marc , Mattéo, Didier, Jorge, David e tutti gli altri corridori con cui ho condiviso questa esperienza.

Grazie a mio padre e mia madre per il loro aiuto e il loro decisivo supporto durante questa gara.


Ho incontrato durante il TOR un corridore alsaziano, Éric. Dopo aver fatto amicizia, ho incontrato sua figlia che è diventata la mia ragazza.

Il TOR è stato per me un viaggio e un luogo di incontro che non dimenticherò mai mai