Tor des Geants®

Endurance Trail 330 km - 24000m D+ 8-15 Settembre 2019

Tor des Geants

10th Anniversary edition

330 km - 24000m D+

6-15 Settembre 2019

Webcam Courmayeur
Webcam Rifugio Bertone
Webcam Saint-Rhémy-en-Bosses
Webcam rifugio Coda

GREEN TOR: UN TOR DES GÉANTS® SEMPRE PIÙ RISPETTOSO, SOSTENIBILE, ECOLOGICO

Lun, 05/09/2016 - 15:57 -- Chiara Jaccod

Il rispetto per l'ambiente e per la natura, la ricerca del contatto con il territorio, la filosofia del "non lasciare traccia" è da sempre uno dei caratteri distintivi del Tor des Géants®

Le scelte "green" portate avanti sin dai primi anni vengono ulteriormente rafforzate per questa edizione 2016, comprovando nuovamente la volontà di VDA Trailers di organizzare un evento sempre più orientato alla sostenibilità.

Innanzitutto, oltre alle regole ecologiste del Tor, quali ad esempio "rispettare la fauna e la flora non gettando rifiuti" e "seguire i sentieri segnalati senza tagliare per evitare l'erosione del suolo" che sono in vigore nel regolamento da sempre, l'edizione 2016 vedrà anche un'eliminazione dell’utilizzo degli elicotteri (se non per quelle operazioni strettamente necessarie legate al soccorso o al rifornimento dei punti di assistenza in quota). Questa scelta permetterà di evitare forme di inquinamento particolarmente impattanti in un ambiente alpino e di alta montagna e di non interferire sulla vita di flora e fauna.

Anche la comunicazione del Tor, come già l'anno scorso, seguirà questa filosofia, non ci saranno riprese effettuate con gli elicotteri ma persone che si muoveranno il più possibile a piedi, cercando di rispettare gli atleti e la montagna approfondendo un incontro reale con il territorio. Si tratta di impostare una filosofia della sostenibilità a livello di comunicazione, lavorando con persone che hanno una passione vera per la montagna, professionisti del settore che sanno come muoversi in modo autonomo e profondamente convinte che - come evidenziato dallo staff di Pillow Lab - "per fare le cose fatte bene, per farle in grande non serve avere le riprese fatte da più in alto ma anzi, bisogna sapersi unire e immedesimare con lo sforzo di trailers, volontari e organizzazione. Per questo il nostro staff si muove il più possibile a piedi e dorme nelle basi vita vivendo parte di questa magnifica esperienza e condividendone le emozioni".
Un'altra fondamentale scelta è stata quella di potenziare al massimo la comunicazione digitale al fine di azzerare quasi completamente l'uso di carta stampata.

Inoltre, per il secondo anno consecutivo, ovvero fin dal varo dell’iniziativa, il Tor aderisce con grande slancio alla campagna di sensibilizzazione ambientale “You-AYoutami a trovare la strada giusta”, fortemente voluta dalla Iuta (Italian Ultramarathon and Trail Association) e relativa alla raccolta sistematica delle pile esauste conservate dai trailers nelle gare in cui è necessario l’utilizzo delle lampade frontali.  La campagna, partendo proprio da questa lodevole iniziativa, ha inoltre l'intento più generale di sensibilizzare al rispetto per l'ambiente che, si auspica, possa passare in un prossimo futuro, anche attraverso l'uso di nuove tecnologie con un impatto ambientale decisamente inferiore. Le pile esauste dovranno essere raccolte in contenitori speciali forniti dal Consorzio Ecolight, partner dell’iniziativa, collocate in posizione ben visibile in zona d’arrivo. Ecolight provvederà poi a ritirare i contenitori a gara finita. È una iniziativa molto importante alla quale sicuramente aderiranno tutti i trailers in gara. 

Infine, il TOR ha scelto e sceglie di dare valore e visibilità ai prodotti del territorio. Questa attenzione è ad esempio evidente, nella collaborazione con Pellissier, l'azienda valdostana che fornirà di formaggi, yogurt e altri prodotti a km zero le basi vita e i punti di ristoro del Tor des Géants®.  

Sono quindi queste le principali caratteristiche che permettono al Tor de Géants® di essere un evento rispettoso, sostenibile ed ecologico. Si tratta di azioni e scelte concrete che vanno aldilà di una semplice moda ma si basano su un profondo e reale rispetto per l'ambiente.

credit: Stefano Jeantet